Visualizzazione post con etichetta ricetta tradizionale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ricetta tradizionale. Mostra tutti i post

venerdì 15 settembre 2017

Pollo alla cacciatora

pollo-alla-cacciatora
Pollo alla cacciatora

Buon pomeriggio cari amici, oggi vi parlo di una ricetta tradizionale appartenente alla cucina regionale, il pollo alla cacciatora. Cucinato e mangiato per la prima volta in vita mia, si tratta di pollo cucinato con un fondo di carota, sedano e cipolla e abbondante pomodoro. A noi è piaciuta molto questa versione del pollo e sicuramente rifarò la ricetta a breve. Per gli ingredienti e le dosi ho consultato la nuova versione cartacea del Cucchiaio d'Argento regalatomi dalla mia cara zia Fiore. Accompagnate questo piatto con una buona polenta e un buon bicchiere di vino rosso.

Ingredienti per quattro persone
1,2 kg di pollo 
300 g ca. di pomodori pelati
1 carota
1 cipolla media
una costa di sedano
un bicchiere di vino bianco
1 cucchiano di Ariosto insaporitore per sughi al pomodoro
Difficoltà media - circa due ore


lunedì 3 ottobre 2016

Crapiata bernaldese

Crapiata bernaldese

Buon pomeriggiocari amici, al ritorno dalle vacanze mio fratello mi ha portato in dono da Metaponto la zuppa tipica "la crapiata" a base di legumi misti secchi e grano duro. Si tratta di un piatto povero molto antico che ancora oggi si ha la tradizione di preparare a Bernalda il primo Agosto in ricordo del fatto che Agosto segnava la fine del contratto annuale di lavoro presso i grandi propietari terrieri. Vi era quindi una sorta di festa di fine annata lavorativa e di ringraziamento per il raccolto per saperne di più clicca qui
Ormai conoscete il mio amore per le ricette regionali italiane, per i piatti tradizionali e quindi potete immaginare quanto mi abbia fatto piacere ricevere questo regalo. Da aggiungersi che si tratta di una zuppa buonissima e piena di salute.

Ingredienti per 4 persone per una Crapiata bernaldese
 50 g di fave secche
100 g di ceci secchi
100 g di fagioli borlotti secchi
100 g di lenticchie piccole secche
150 g di grano duro
una carota e una costa di sedano
due foglie d'alloro
acqua e sale q.b.
olio extravergine d'oliva q.b.
Difficoltà media - 8 ore di ammollo e 4 ore di cottura


martedì 1 dicembre 2015

Roccocò napoletano morbido


roccocò
Roccocò morbido napoletano

Buon pomeriggio amici del web, oggi vi parlo di un dolce tipico natalizio di origine campana: il Roccocò.
Non vi è casa napoletana - nel periodo natalizio - senza Roccocò vuoi comprati al panificio, vuoi in pasticceria, vuoi fatti in casa o ricevuti in dono. La particolarità del dolce è l'aroma, il cosidetto pisto un mix di spezie (tra cui cannella e chiodi di garofano) che non solo danno profumo ma colorano il dolce stesso. A Napoli si trova sia la versione morbida del Roccocò sia la dura (a prova di carie) ma la differenza non è negli ingredienti bensì nel tempo di cottura, che se prolungato rende questi biscotti duri tali da poter essere mangiati solo dopo essere stati inzuppati.


Ricetta per
13 Roccocò
Ingredienti
  • 200 g di mandorle tostate
  • 250 g di farina 00
  • 200 g di zucchero
  • buccia di due limoni
  • succo di un solo limone e quattro mandarini (circa 110 ml di succo)
  • una fiala aroma arancia
  • 1 g di ammoniaca per dolci
  • 10 g di pisto (mix di spezie)
  • un pizzico di sale
  • acqua tiepida se serve
  • un rosso d'uovo per spennellare
Tempo di preparazione
circa un'ora
Lasciate cuocere
13 minuti in forno ventilato a 180 gradi+2 minuti di grill oppure 20 minuti di statico a 180 gradi
Difficoltà
bassa


mercoledì 18 novembre 2015

Focaccia di Altamura


Cucina Mia Quanto Ti Amo
Focaccia di Altamura


Buon pomeriggio golosoni del web, eccoci con un'altra spettacolare ricetta regionale la "Focaccia di Altamura", ricetta pugliese di una semplicità e di una bontà da lasciare senza fiato.
Quando sono al mare in Puglia esagero sempre nel comprare e mangiare la focaccia, è una delle mie attività preferite e a fine estate mi riprometto di ritornarci per gustarla di nuovo......col pomodoro o cipolla o patate e origano è sempre un piacere.
La ricetta proviene da un sito internet che vi consiglio di visitare e che racconta delle eccellenze della zona di Altamura: http://www.panealtamura.it/it/prodotti-da-forno/la-focaccia-di-altamura.html
Sicuramente la cottura ideale è quella col forno a legna ma ovviamente a casa io mi sono dovuta accontentare del forno elettrico mentre ci si può impegnare di più nella ricerca di pomodorini e olive pugliesi per avere un prodotto che si avvicini di più a quello originale.



Ricetta per
4 persone
Ingredienti
  • 600 g di semola rimacinata di grano duro (oppure 500 g di semola rimacinata e 100 g di farina 0)
  • 350 ml circa di acqua tiepida
  • 25 g di lievito di birra
  • 15 g di sale
  •  5 cucchiai di olio d'oliva extravergine
  •  2 cucchiaini di zucchero
per la farcitura
  • 300/400 g di pomodorini freschi
  • origano e sale q.b. 
  • mezzo bicchiere di olio d'oliva extravergine
  • olive denocciolate due manciate
Tempo di preparazione
quattro ore circa
Lasciate cuocere
35/40 minuti a 190 gradi
Difficoltà
bassa
 

venerdì 13 novembre 2015

Taralli sugna e pepe (nzogna e pepe), ricetta napoletana



Cucina Mia Quanto Ti Amo

"Taralli nzogna e pepe"


Ricetta per
11 taralli grandi
Ingredienti
500 g di farina 00
200 g di sugna (strutto)
180 ml di acqua
8 g di lievito di birra fresco
20 g di sale
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di miele
150 g di nocciole tostate+quelle per la decorazione
3 cucchiaini di pepe nero

Tempo di preparazione
Circa quattro ore di lievitazione+50 minuti di cottura
Lasciate raffreddare
Almeno un paio d'ore
Difficoltà
Bassa

Buongiorno e buon sabato, oggi vi parlo di una magnifico prodotto napoletano "il tarallo nzogna e pepe", goloso street food e ottimo da accompagnare con affettati per un veloce antipasto casalingo accompagnato da una birra fredda. Non possedendo una ricetta di famiglia mi sono rivolta al sito "Il crudo e il cotto" di Raffaele Pignataro e ho ottenuto dei taralli divini. Questo è il link diretto: http://www.ilcrudoeilcotto.it/2014/08/26/taralli-nzogna-pepe-i-taralli-napoletani-pepe-mandorle/
Io ho sostituito le mandorle della ricetta originale con le nocciole che io preferisco, in realtà nei tarallifici napoletani si vendono in entrambi le versioni.

martedì 10 novembre 2015

Linguine alle vongole veraci


Cucina Mia Quanto Ti Amo
Linguine alle vongole veraci
Buon pomeriggio cari amici del web, quest'oggi vi illustro una ricetta regionale "Le linguine alle vongole veraci", ricetta classica campana legata alla cucina casalinga quotidiana e delle feste.
Si può anche scegliere un formato di pasta differente - purchè lungo - come gli spaghetti o vermicelli. Indispensabile il profumo dell'aglio e del pezzemolo fresco e ad esaltare il tutto un pizzico di peperoncino. La pasta deve essere scolata al dente e terminare la cottura nel tegame con le vongole e la sua acqua di cottura.


Ricetta per
2 persone
Ingredienti
  • 300/400 g di vongole
  • 160 g di linguine
  • uno spicchio d'aglio
  • un peperoncino (io ho utilizzato l'insaporitore Ariosto Aglio e Peperoncino)
  • un ciuffo di prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • una tazzina di vino bianco
Tempo di preparazione
circa 40 minuti+il tempo necessario per spurgare le vongole
Difficoltà
bassa



Procedimento
Mettete le vongole a spurgare in una capiente ciotola con acqua e sale (mezzo cucchiaino) per un paio di ore - questa operazione serve a eliminare la sabbia all'interno.
In un tegame soffriggete l'olio con l'aglio e il peperoncino. A questo punto aggiungete la tazzina di vino e lasciate sfumare a fuoco vivace, in modo da eliminare la parte alcolica. Aggiungete del prezzemolo tritato e spegnete la fiamma. Sciacquate abbondantemente le vongole e in una pentola dai bordi alti lasciate aprire a fuoco vivace. Fatto questo scegliete se sgusciarle o trasferirle direttamente nel tegame con l'olio.
Cucina Mia Quanto Ti Amo
Cucina Mia Quanto Ti Amo

Lasciate insaporire il tutto, aggiungendo anche l'acqua fuoriuscita dalla cottura delle vongole (prima di utilizzarla filtratela con un colino a maglie strette). Terminata questa operazione, spegnete il fuoco e dedicatevi alla cottura della pasta.

Cucina Mia Quanto Ti Amo

Quando sarà al dente, prendete un bicchiere di acqua di cottura e aggiungetelo nel tegame delle vongole riaccendendo la fiamma. Scolate la pasta (fortemente al dente) e terminate la cottura insieme alle vongole. Tritate del prezzemolo fresco e cospargete sulla pasta.

Cucina Mia Quanto Ti Amo

Buon Appetito!
  Se ti è piaciuta la ricetta visita la mia fanpage e clicca mi piace:
 https://www.facebook.com/cucinamiaquantotiamo

martedì 5 maggio 2015

Risotto alla pescatora

risotto alla pescatora
Risotto alla pescatora

Buon pomeriggio a tutti, un primo accenno d'estate è arrivato improvviso e come primo effetto ha già portato la convinzione che fra un po' la cucina prevederà tanti piatti freddi ed un uso notturno del forno. La settimana scorsa ho preparato questo bel risotto, desiderosa di provare una ricetta letta in rete che prometteva sapore da ristorante. In effetti il risultato è stato eccezionale col solo accorgimento di preparare un brodo di pesce - per cuocere il risotto - con la testa e il carapace dei gamberoni.  



Ricetta per
2 persone
Ingredienti
  • 160 grammi di riso (carnaroli)
  • 3 gamberoni
  • 1 ciuffo di calamaro
  • 100 g di pesce spada
  • 300 g circa di vongole
  • 300 g circa di cozze
  • prezzemolo q.b.
  • 4/5 pomodorini
  • 1 cipollina fresca
  • 4 cucchiai di olio extravergine
  • sale q.b.
  • una tazzina da caffè di vino bianco
Tempo di preparazione
circa due ore
Difficoltà
medio-alta


mercoledì 8 aprile 2015

Pasta fresca all'uovo


pasta fresca all'uovo
Pasta fresca all'uovo

La pasta fresca all'uovo è una ricetta di base della cucina italiana. Con essa si possono preparare lasagne, cannelloni, pappardelle, tagliatelle, ravioli e tutto ciò che la fantasia ci propone. Stendere la sfoglia a mano - col mattarello - è un'arte, tanto è vero che esistono delle scuole dove viene insegnato. Io per ora mi limito ad usare la nonna papera ossia la macchinetta da sfoglia, ma chissà magari un giorno imparerò anch'io la sapiente arte delle sfogline.



Ricetta per
4 persone
Ingredienti
  • 4 uova
  • 400 g di farina 00
  • un pizzico di sale
Tempo di preparazione
circa un'ora
Lasciate riposare
mezz'ora
Difficoltà
media


sabato 31 gennaio 2015

Pasta e cavolfiori (con pomodoro)

pasta e cavolfiore
Pasta e cavolfiori

Cari amici oggi vi parlo di una ricetta regionale (Campania) -pasta e cavolfiore col pomodoro - che si distingue dalla pasta e cavolfiori in bianco sia per gli ingredienti sia per il procedimento.
In questo caso tutti gli ingredienti vengono cotti e stufati in una unica pentola, mentre nella ricetta di cui vi ho parlato qualche settimana fa (http://stunningcooking.blogspot.com/2014/02/pasta-con-il-cavolfiore.html) il cavolfiore in bianco si sposa con un soffritto di aglio, cipolla e pancetta.

Ricetta per
2 persone
Ingredienti
  • mezzo cavolfiore
  • 140 g di pasta mista o spaghetti spezzati
  • 3/4 cucchiai di passata di pomodoro
  • mezzo spicchio d'aglio
  • un quarto di cipolla
  • prezzemolo q.b.
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
Tempo di preparazione
circa un'ora
Difficoltà
bassa


giovedì 27 novembre 2014

Strudel alla viennese


strudel alla viennese
strudel alla viennese
Strudel alla viennese
Lo strudel è un dolce tipico del Trentino Alto Adige, a base di mele avvolte in una pasta "matta" senza uova ne lievito. Una cara amica - Rita - nello sfogliare un vecchio libro di cucina ha ritrovato questa ricetta e mi ha chiesto di sperimentarla ed io ben volentieri ho accettato visto che a dolce concluso, grazie all'assenza di lattosio, ho potuto mangiarlo liberamente.
Ho fatto delle ricerche per capire la differenza tra lo strudel alla viennese e quello trentino ma senza risultato, così ho concluso che si tratta di una delle tante ricette per la realizzazione di questo dolce e che la commistione storica fra queste aree geografiche spiega parte del mistero.



Ricetta per
5/6 porzioni
Ingredienti
  • 200 g di farina 00
  • 80 g di acqua tiepida
  • 20 g di olio extravergine
  • un pizzico di sale
  • 4 mele
  • succo e scorza di un limone
  • 50 g di uva sultanina
  • 30 g di pinoli
  • 60 g di zucchero
  • cannella q.b.
  • 50 g di pane grattuggiato
  • 2 cucchiai d'olio d'oliva
Tempo di preparazione
30 minuti di riposo per la pasta+40 minuti di cottura
Lasciate cuocere
40/45 minuti a 180 gradi
Difficoltà
media


martedì 9 settembre 2014

Melanzane sott'olio

melanzane sott'olio
Melanzane sott'olio

Oggi vi presento una conserva sott'olio, vera specialità fruibile nei giorni di festa. Le melanzane sott'olio sono una vera golosità, ma il tempo e la fatica per realizzarle le rende una ricetta non per tutti. Il periodo ideale per realizzarle è fine estate quando sono ancora di stagione e il loro prezzo al chilogrammo è al minimo.



Ricetta per
1 kg di melanzane sott'olio
Ingredienti
  • 4/5 kg di melanzane per ottenere un vasetto da un kg
  • sale grosso
  • origano q.b.
  • aglio q.b.
  • peperoncino q.b.
  • olio di semi o olio d'oliva q.b.
Tempo preparazione
circa due giorni
Difficoltà
medio-alta
 

martedì 2 settembre 2014

Mulignan a pacc (Melenzane fritte a ripassate al forno)

Mulignan a pacc
"Mulignan a pacc"

Cari amici, oggi vi parlerò di una ricetta che mi sta molto a cuore, perchè è una ricetta di famiglia, in particolare una ricetta della mia nonna paterna. I "mulignan a pacc" altro non sono che melanzane tagliate con la buccia a fette doppie, messe sotto sale e fritte. A queste si aggiunge un sughetto semplice e il tutto viene passato al forno per una ventina di minuti circa. Si tratta di un piatto semplice e povero ma di grande effetto sul palato.



Ricetta per
3 persone
Ingredienti
  • due melanzane medio-grandi
  • uno spicchio d'aglio
  • metà passata di pomodoro
  • 4/5 pomodori freschi
  • qualche foglia di basilico
  • olio per friggere q.b.
  • sale grosso q.b.
Tempo preparazione
circa un'ora e mezza
Lasciate cuocere
circa 20/25 minuti a 180 gradi
Difficoltà
bassa


sabato 25 gennaio 2014

Torrone di cioccolata



Torrone di cioccolato

Conosco questa ricetta da oltre dieci anni e rifarla è sempre un piacere. Quando per la prima volta ho visto il torrone confezionato in una bella carta da regalo con un grande fiocco, ho pensato che venisse da una pasticceria. Invece, la cugina di mia madre mi disse che l'aveva preparato a casa e mi spiegò come. Da allora lo preparo per le occasioni speciali, come Natale o compleanni oppure se desidero regalare qualcosa di buono e molto bello da vedere.



Ricetta per
12-14 porzioni
Ingredienti
  • 200 g di cioccolato fondente
  • 300 g di cioccolato bianco
  • 400 g di nutella
  • 200 g di noccioline intere tostate
Tempo preparazione
circa mezz'ora
Lasciate raffreddare
5/6 ore in frigo
Difficoltà
medio-facile


martedì 21 gennaio 2014

Torta sbrisolona

torta sbrisolona
Torta sbrisolona

Questa torta mi ha davvero strabiliato. Sarà che non mangiavo il burro da tempo e avendo trovato al supermercato il burro senza lattosio ho finalmente ritrovato il suo gusto, sarà che le ricette tradizionali sono sempre le migliori. Questa torta è tipica della regione Lombardia e la ricetta l'ho trovata in un vecchio libro di cucina regionale dell'autrice Stella Donati. Gli ingredienti sono semplici, si tratta di farina di polenta, mandorle, profumo inebriante di buccia di limone e burro che in realtà ha in parte sostituito lo strutto previsto dalla ricetta originale.



Ricetta per
12-14 porzioni
Ingredienti
  • 200 g mandorle tritate
  • 200 g di farina 00
  • 200 g di farina gialla a grana fine
  • 150 g di zucchero semolato
  • 1 bustina di vanillina 
  • 220 g di burro (senza lattosio per gli intolleranti)
  • due tuorli d'uovo
  • buccia grattuggiata di un limone
Tempo preparazione
15 minuti per la preparazione degli ingredienti+10 minuti per l'impasto
Lasciate cuocere
1 ora a 180 gradi
Difficoltà
facile


venerdì 17 gennaio 2014

Pasta con i piselli

pasta con i piselli
Pasta con i piselli

L'abbinamento della pasta con i legumi ci consente di mangiare un piatto completo e salutare oltre che gradevole al gusto. Immagino che in ogni casa ci sia un modo diverso per cucinarli e non sapete quanto mi piacerebbe conoscerli tutti. A casa dei miei genitori la mangiavo ricca di cipolla e prezzemolo, magari con un po' di sugo di pomodoro e nel periodo dei piselli freschi anche con l'aggiunta di un uovo fresco messo a cottura ultimata e mescolato alla pasta. Questa che ho cucinato oggi ha solo l'aglio e un po' di prezzemolo ben tritato, è una versione semplice e veloce che mette insieme i miei gusti con quelli di mio marito. 
I piselli contengono un'alta percentuale di acqua e quindi come tutti i legumi non eccedono in calorie, inoltre contengono vitamina A e C in quantità maggiore rispetto ai ceci e alle lenticchie.



Ricetta per
2 persone
Ingredienti
  • 200 g di piselli in scatola (peso netto)
  • mezzo spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • prezzemolo q.b.
  • pepe q.b.
  • 120 g di pasta mista
  • parmigiano reggiano stagionato 30 mesi q.b.
Tempo preparazione
circa mezz'ora di cottura per i piselli+il tempo di cottura della pasta

Difficoltà
facile


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...