Visualizzazione post con etichetta ricetta regionale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ricetta regionale. Mostra tutti i post

venerdì 15 settembre 2017

Pollo alla cacciatora

pollo-alla-cacciatora
Pollo alla cacciatora

Buon pomeriggio cari amici, oggi vi parlo di una ricetta tradizionale appartenente alla cucina regionale, il pollo alla cacciatora. Cucinato e mangiato per la prima volta in vita mia, si tratta di pollo cucinato con un fondo di carota, sedano e cipolla e abbondante pomodoro. A noi è piaciuta molto questa versione del pollo e sicuramente rifarò la ricetta a breve. Per gli ingredienti e le dosi ho consultato la nuova versione cartacea del Cucchiaio d'Argento regalatomi dalla mia cara zia Fiore. Accompagnate questo piatto con una buona polenta e un buon bicchiere di vino rosso.

Ingredienti per quattro persone
1,2 kg di pollo 
300 g ca. di pomodori pelati
1 carota
1 cipolla media
una costa di sedano
un bicchiere di vino bianco
1 cucchiano di Ariosto insaporitore per sughi al pomodoro
Difficoltà media - circa due ore


lunedì 1 maggio 2017

Uova in purgatorio ("uov a zupptell")

uova in purgatorio
"Uov a zupptell"

Buon pomeriggio cari amici del web e buon Primo Maggio. Causa ristrutturazione casa oggi niente passeggiata ma tanti scatoloni da fare e come meritato riposo ho preparato dei dolcetti e poi di corsa a scrivere questo breve post su di una ricetta di famiglia molto amata.
Quando mia mamma mi racconta di suo padre che preparava con sublime perizia le "uova a zupptell" si emoziona sempre e mi parla nello stesso tempo di una ricetta analoga nel procedimento ma talmemte povera che non prevedeva neanche le uova ma solo pane raffermo, ma questa è un'altra storia, un'altra ricetta ......per ora concentriamoci sulle uova in purgatorio, ricetta tipica regionale nonchè ricetta povera e naturalmente priva di lattosio e di glutine.


Ingredienti per due persone
2 uova
mezzo barattolo di pomodori pelati (io ho utilizzato il marzanino)
una spolverata di prezzemolo
mezza cipolla piccola
Difficoltà bassa - circa 15 minuti di preparazione

giovedì 9 febbraio 2017

Coniglio alla ligure


Coniglio-alla-ligure
Coniglio alla ligure
Buon pomeriggio cari amici del web, come vi annunciavo qualche giorno fa è iniziata per me una nuova collaborazione. L'azienda che mi ha inviato i propri prodotti si chiama Amoretti Di Lorenzo, un'azienda che da sempre è dedita alla produzione e commercializzazione di Olio di Oliva e Olio Extravergine di Oliva.
L'azienda si trova a Chiusavecchia (IM) e seleziona una vasta gamma di prodotti - dalle conserve allo zafferano dai pesti alle olive - offrendo il meglio della gastronomia ligure.
Oggi vi presento la ricetta del coniglio alla ligure, ricetta tipica regionale, dove l'utilizzo delle olive taggiasche e dell'olio locale è d'obbligo. Non possedevo una ricetta di famiglia, chiedo venia ai liguri se qualche passaggio è sbagliato; come sempre per ogni ricetta regionale molto importante - come questa - ogni famiglia ha la sua ricetta e i suoi segreti.
Vi lascio - intanto - il sito internet da visitare e i link ai vari social.
http://www.amorettidilorenzo.it
https://www.facebook.com/pages/Amoretti-di-Lorenzo/224999404284225
https://twitter.com/amorettidiloren
https://plus.google.com/u/0/113094261372372798212



Ingredienti per due persone
850 g circa di coniglio (tagliato in pezzi)
20 di pinoli
un bicchiere di vino rosso
olio extravergine d'oliva q.b. dell'azienda E. Amoretti Di Lorenzo
due manciate di olive taggiasche dell'azienda E. Amoretti Di Lorenzo
mezza cipolla
mezzo spicchio d'aglio
sale q.b.
rosmarino e salvia q.b.
Difficoltà media - circa un'ora per la cottura + due ore per l'ammollo in acqua e aceto


mercoledì 9 novembre 2016

Ciambellone della nonna

Ciambellone della nonna

Ingredienti per un ciambellone medio (stampo alto a ciambella di 22 cm)
300 g di farina 0 ideale per torte
3 uova
1 bicchiere da acqua di olio d'oliva delicato oppure olio di semi
1 bicchiere da acqua di latte vaccino o d'avena (io ho utilizzato latte d'avena)
150 g di zucchero di canna o semolato
1 bustina di lievito
il succo e la buccia grattuggiata di un limone
zucchero a velo q.b.
Difficoltà bassa - 35/40 minuti di cottura a 180 gradi



Procedimento
Separate i tuorli dagli albumi. Montate i albumi e mettete da parte.
Montate i tuorli con lo zucchero, aggiungete il succo e la buccia grattuggiata del limone.
Pian piano aggiungete la farina alternandola con latte e olio. A questo punto aggiungete gli albumi montati a neve e il lievito. Trasferite l impasto nello stampo, imburrato e infarinato oppure spennellato con poco olio e infarinato. Cuocete a 180 gradi (forno ventilato) per 35/40 minuti.



 
Se ti è piaciuta la ricetta visita la mia fanpage e clicca mi piace:
 https://www.facebook.com/cucinamiaquantotiamo

lunedì 10 ottobre 2016

Zuppa di zucca e fagioli borlotti

Zuppa di zucca e fagioli borlotti

Buon pomeriggio cari amici, oggi vi racconto di una ricetta campana "la zuppa di cucozza e fasoli", una ricetta dell'entroterra, una ricetta antica che racchiude il benessere delle ricette di una volta.
Vi occorrerà una bella quantità di zucca lunga napoletana - che purtroppo si trova sempre più raramente soppiantata da altre tipologie di zucca - e un pizzico di pazienza per sbucciare i fagioli freschi e la zuppa è fatta. Si può arricchire con pancetta o guanciale oppure renderla sublime con delle salsicce nostrane.

Ingredienti per due persone
1,5 kg di zucca lunga napoletana
250 g di fagioli borlotti freschi (gr netti)
due spicchi di aglio
qualche pezzettino di guanciale (senza derivati del latte per chi fosse intollerante), opzionale
prezzemolo q.b.
sale e olio extravergine d'oliva q.b.

lunedì 3 ottobre 2016

Crapiata bernaldese

Crapiata bernaldese

Buon pomeriggiocari amici, al ritorno dalle vacanze mio fratello mi ha portato in dono da Metaponto la zuppa tipica "la crapiata" a base di legumi misti secchi e grano duro. Si tratta di un piatto povero molto antico che ancora oggi si ha la tradizione di preparare a Bernalda il primo Agosto in ricordo del fatto che Agosto segnava la fine del contratto annuale di lavoro presso i grandi propietari terrieri. Vi era quindi una sorta di festa di fine annata lavorativa e di ringraziamento per il raccolto per saperne di più clicca qui
Ormai conoscete il mio amore per le ricette regionali italiane, per i piatti tradizionali e quindi potete immaginare quanto mi abbia fatto piacere ricevere questo regalo. Da aggiungersi che si tratta di una zuppa buonissima e piena di salute.

Ingredienti per 4 persone per una Crapiata bernaldese
 50 g di fave secche
100 g di ceci secchi
100 g di fagioli borlotti secchi
100 g di lenticchie piccole secche
150 g di grano duro
una carota e una costa di sedano
due foglie d'alloro
acqua e sale q.b.
olio extravergine d'oliva q.b.
Difficoltà media - 8 ore di ammollo e 4 ore di cottura


lunedì 26 settembre 2016

Spaghetti all'Amatriciana


Spaghetti all'amatriciana

Buon pomeriggio cari amici, oggi vi parlo di una ricetta a me molto cara perchè ne sono golosa, i bucatini all'amatriciana; una ricetta squisitamente regionale che richiama l'eterna Roma con "la cacio e pepe", "l'agnello alla scottadito" e tante altre golosità tipiche. Aihmè non posseggo una ricetta di famiglia, così questa che vi descrivo l'ho ricavata dal Cucchiaio d'Argento. Spero in un futuro in un regalo da parte di un romano delle ricetta originale casalinga.

Ingredienti per 4 persone
100 g di guanciale
320 g di spaghetti o bucatini
1 cipolla media
una scatola di pomodori pelati
peperoncino q.b.
un cucchiaino di insaporitore per sughi Ariosto
Difficoltà bassa - circa un'ora per la preparazione


lunedì 8 agosto 2016

Merluzzo scaldato olio e limone

Merluzzo scaldato olio e limone

Buon pomeriggio cari amici, oggi vi parlo di una ricetta partenopea facile e breve nel procedimento, il merluzzo scaldato olio e limone. Ho ricavato la ricetta da un libro dedicato alla cucina napoletana dal titolo LA CUCINA NAPOLETANA IN OLTRE 200 RICETTE, ed è una variante rispetto a come mia mamma prepara il merluzzo con olio e limone. Infatti a casa dei miei si scalda il merluzzo a bagnomaria e poi si condisce con l'olio e abbondante limone e prezzemolo; in questo caso la cottura degli ingredienti avviene insieme con il pesce stesso.

Ingredienti per 4 persone
1 kg di merluzzo fresco
4 limoni (2 per servire)
2/3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di insaporitore Ariosto per pesci arrosto o ai ferri


martedì 28 giugno 2016

Friggitelli fritti col pomodoro

peperoncini verdi fritti
Friggitelli fritti col pomodoro


Buon pomeriggio amici, che bontà questi friggitelli - in estate a casa mia non mancano mai e a Napoli oltre ad essere un delizioso contorno è possibile gustarli anche sulla pizza insieme con filante mozzarella e salsiccia.
Dalle mie parti è anche conosciuto come peperoncino verde di fiume in riferimento ad una delle zone di coltivazione ed è un ortaggio diffuso e consumato sopratutto in Campania.
Se li comprate, preferite i più piccoli perchè più dolci a differenza di quelli grandi che hanno uno spiccato sapore amarognolo.

Ingredienti per due persone
200 g di friggitelli
15 di pomodorini rossi ca.
uno spicchio d'aglio
olio extravergine d'oliva q.b per friggere i friggitelli
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva 
sale q.b.
qualche foglia di basilico
Difficoltà bassa - circa mezz'ora per la preparazione


domenica 3 aprile 2016

Scarole e fagioli

Cucina Mia Quanto Ti Amo
Scarole e fagioli
Oggi vi parlo di una ricetta della tradizione campana, la zuppa di scarole e fagioli. Si tratta di una zuppa che vede protagonisti due ingredienti must della cucina regionale, i fagioli che ritroviamo spesso nei primi piatti e le scarole presenti sulle pizze, nel menù di Natale, nei contorni....
Accompagna amabilmente le sere autunnali/invernali e aiuta a smaltire il pane raffermo che si abbina meravigliosamente a questa zuppa.

Ingredienti
2 scarole 
100 g di fagioli borlotti secchi oppure una scatola di fagioli
uno spicchio d'aglio
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
una cipolla e un peperoncino (facoltativi)

Difficoltà bassa -  circa un'ora+il tempo di cottura dei fagioli secchi


martedì 29 dicembre 2015

Broccoli di Natale e cavolfiore all'insalata, ricetta tipica napoletana

Cucina Mia Quanto Ti Amo
Broccolo di Natale e cavolfiore all'insalata
Buon pomeriggio cari amici, l'anno 2015 volge al termine e sapete cosa mangerò il 31 Dicembre? Fra le tante pietanze ci sarà anche questa spiritosa insalata ricca di succo di limone e profumatissima d'aglio. Si tratta di una ricetta tradizionale napoletana che ritroviamo sulle tavole imbandite del 24 e del 31 Dicembre come antipasto da servire prima o dopo l'insalata di rinforzo.


Ricetta per
6/8 persone
Ingredienti
  • 1 cavolfiore
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 fasci di broccoli di Natale
  • il succo di tre/quattro limoni
Tempo di preparazione
circa un'ora+il tempo di lasciarli raffreddare
Lasciate raffreddare
un paio d'ore
Difficoltà
bassa


lunedì 28 dicembre 2015

Insalata di rinforzo, ricetta napoletana

Cucina Mia Quanto Ti Amo
Insalata di rinforzo

Buon pomeriggio cari golosoni del web, quest'oggi vi parlo di una ricetta tradizionale napoletana che si prepara durante la vigilia di Natale e Capodanno, l'insalata di rinforzo. La mia versione - quella che da sempre si mangia a casa mia - prevede il baccalà ammollato e cotto ma vi è anche la versione senza baccalà e con il cavolfiore. Magia delle ricette e delle varie tradizioni locali, insalate che differiscono non poco hanno lo stesso nome e sono indespensabili sulle tavole natalizie di noi partenopei. Ma vediamo un pò nel dettaglio di cosa si tratta.


Ricetta per
6 persone
Ingredienti
  • 500 g di baccalà da ammollare
  • due spicchi d'aglio
  • due manciate di olive verdi
  • un peperone sott'aceto (una papacella)
  • mezzo vasetto di giardiniera
  • 2 acciughe sottosale (opzionale)
Tempo di preparazione
4 giorni di ammollo+ un'ora di preparazione
Difficoltà
medio-bassa


mercoledì 9 dicembre 2015

Mostaccioli morbidi napoletani


Cucina Mia Quanto Ti Amo
Mostaccioli napoletani morbidi

Buon pomeriggio cari amici del web, il Natale è alle porte ed oggi vi racconto dei biscotti che ho preparato per la festa dell'Immacolata Concezione: i mostaccioli morbidi napoletani. Si tratta di biscotti tradizionali che si trovano in tutte le pasticcerie e le case in questo periodo dell'anno, fatti con ingredienti semplici come farina, zucchero e acqua senza uova, ne burro ne olio. Una volta cotti vengono ricoperti con una glassa al cioccolato fondente o bianco e si accompagnano sempre con i Roccocò anch'essi dolci tipici natalizi.


Ricetta per
15 mostaccioli circa
Ingredienti
  • 250 g di farina 00
  • 130/150 g di zucchero semolato
  •  8 g di pisto
  • 2 g di ammoniaca
  •  100 ml circa di acqua tiepida
  • 20 g di cacao amaro
  • buccia grattuggiata del limone o di una arancia
  • un cucchiaio di liquore Strega
Per la glassa:
  • 125 g di cioccolato fondente
  • 80 g di zucchero semolato
  • 50 ml di acqua
Tempo di preparazione
circa un'ora+il tempo di far solidificare la glassa
Lasciate cuocere
10/12 minuti a 180 gradi
Difficoltà
bassa


martedì 1 dicembre 2015

Roccocò napoletano morbido


roccocò
Roccocò morbido napoletano

Buon pomeriggio amici del web, oggi vi parlo di un dolce tipico natalizio di origine campana: il Roccocò.
Non vi è casa napoletana - nel periodo natalizio - senza Roccocò vuoi comprati al panificio, vuoi in pasticceria, vuoi fatti in casa o ricevuti in dono. La particolarità del dolce è l'aroma, il cosidetto pisto un mix di spezie (tra cui cannella e chiodi di garofano) che non solo danno profumo ma colorano il dolce stesso. A Napoli si trova sia la versione morbida del Roccocò sia la dura (a prova di carie) ma la differenza non è negli ingredienti bensì nel tempo di cottura, che se prolungato rende questi biscotti duri tali da poter essere mangiati solo dopo essere stati inzuppati.


Ricetta per
13 Roccocò
Ingredienti
  • 200 g di mandorle tostate
  • 250 g di farina 00
  • 200 g di zucchero
  • buccia di due limoni
  • succo di un solo limone e quattro mandarini (circa 110 ml di succo)
  • una fiala aroma arancia
  • 1 g di ammoniaca per dolci
  • 10 g di pisto (mix di spezie)
  • un pizzico di sale
  • acqua tiepida se serve
  • un rosso d'uovo per spennellare
Tempo di preparazione
circa un'ora
Lasciate cuocere
13 minuti in forno ventilato a 180 gradi+2 minuti di grill oppure 20 minuti di statico a 180 gradi
Difficoltà
bassa


mercoledì 25 novembre 2015

Coniglio in porchetta

Cucina Mia Quanto Ti Amo
Coniglio in porchetta

Il coniglio in porchetta è una ricetta regionale marchigiana, ma la versione che vi propongo oggi è ricavata dal ricettario regionale del Cucchiaio d'Argento, http://www.cucchiaio.it/ricetta/ricetta-coniglio-porchetta/,  che un po' si distacca nel procedimento rispetto alla ricetta originaria così come l'ho trovata in rete facendo una breve ricerca. Infatti ho notato che secondo un sito di cucina regionale il coniglio andrebbe cotto al forno e la presenza delle interiora nella ricetta è fondamentale; inoltre ho ritrovato l'utilizzo di prosciutto crudo e salame in diverse ricette. Avrete intuito che - come al solito - quando si parla di cucina tipica regionale le versioni sono sempre discordanti. Ciò che importa è sicuramente trasformare questo coniglio dissossato in una "simil porchetta" e le strade per farlo sono molteplici, io vi propongo una delle tante.


Ricetta per
4 persone
Ingredienti
  • un coniglio medio dissossato
  • 1 etto e mezzo di pancetta o prosciutto crudo (senza lattosio per gli intolleranti)
  • rosmarino e salvia q.b.
  • mezzo spicchio d'aglio
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • pepe q.b.
  • 4/5 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • un bicchiere di aceto bianco
Tempo di preparazione
circa tre ore
Lasciate cuocere
un'ora e mezza
Difficoltà
medio-bassa


mercoledì 18 novembre 2015

Focaccia di Altamura


Cucina Mia Quanto Ti Amo
Focaccia di Altamura


Buon pomeriggio golosoni del web, eccoci con un'altra spettacolare ricetta regionale la "Focaccia di Altamura", ricetta pugliese di una semplicità e di una bontà da lasciare senza fiato.
Quando sono al mare in Puglia esagero sempre nel comprare e mangiare la focaccia, è una delle mie attività preferite e a fine estate mi riprometto di ritornarci per gustarla di nuovo......col pomodoro o cipolla o patate e origano è sempre un piacere.
La ricetta proviene da un sito internet che vi consiglio di visitare e che racconta delle eccellenze della zona di Altamura: http://www.panealtamura.it/it/prodotti-da-forno/la-focaccia-di-altamura.html
Sicuramente la cottura ideale è quella col forno a legna ma ovviamente a casa io mi sono dovuta accontentare del forno elettrico mentre ci si può impegnare di più nella ricerca di pomodorini e olive pugliesi per avere un prodotto che si avvicini di più a quello originale.



Ricetta per
4 persone
Ingredienti
  • 600 g di semola rimacinata di grano duro (oppure 500 g di semola rimacinata e 100 g di farina 0)
  • 350 ml circa di acqua tiepida
  • 25 g di lievito di birra
  • 15 g di sale
  •  5 cucchiai di olio d'oliva extravergine
  •  2 cucchiaini di zucchero
per la farcitura
  • 300/400 g di pomodorini freschi
  • origano e sale q.b. 
  • mezzo bicchiere di olio d'oliva extravergine
  • olive denocciolate due manciate
Tempo di preparazione
quattro ore circa
Lasciate cuocere
35/40 minuti a 190 gradi
Difficoltà
bassa
 

mercoledì 7 ottobre 2015

Caponata di melanzane, ricetta siciliana

cucina mia quanto ti amo
Caponata siciliana

La caponata siciliana - come tutte le ricette regionali - esiste in molteplici versioni. La mia forse è l'ennesima rivisitazione, visto che non avevo una ricetta personale e ho sbirciato un po' qua e un pò là per poi farne una versione che rispecchiasse i miei gusti. Ma gli ingredienti ci sono tutti e il tocco di agrodolce alla fine è proprio la caratteristica di questo piatto della bellissima Sicilia.


Ricetta per
6 persone
Ingredienti
  • 1 kg di melanzane
  • una costa di sedano
  • una cipolla
  • due manciate di olive denocciolate
  • una manciata di pinoli
  • un cucchiaio di capperi sottosale
  • una decina di pomodori rossi
  • olio extravergive d'oliva 4/5 cucchiai
  • olio per friggere q.b.
  • un ciuffo di basilico 
  • aceto 1/3 di bicchiere
  • 1 cucchiaio di zucchero
Tempo di preparazione
circa due ore
Difficoltà
medio-bassa


giovedì 10 settembre 2015

Granita di pesche (Cremolata di pesche)


cucinamiaquantotiamo
Cremolata di pesche
Buon pomeriggio cari amici, delle vacanze in Puglia porto sempre con me qualcosa di strettamente culinario in senso fisico comprando prodotti tipici locali da poter consumare quando sono a casa a Napoli, mentre nel cuore e nella mente conservo i profumi e i colori di quello che mangio. Quest'anno ho assaggiato una granita alle pesche, tipicamente siciliana, ma perdonatemi io l'ho assaggiata a Peschici e per questo vi accennavo alle mie vacanze in Puglia. Tornata a casa e pensando e ripensando a quella granita che era una crema fredda di pesche - una delizia per il palato - ho cercato sul web e un bel giorno su un gruppo facebook, una foodblogger proponeva la granita alla pesche. Si tratta del blog  http://www.sicilianicreativiincucina.it che propone bellissime ricette regionali.
Io ho realizzato la cremolata con pesche percoche, ma potete utilizzare qualsialsi pesca a patto che sia ben matura.


Ricetta per
4 persone
Ingredienti
  • 370 g di pesche percoche sbucciate e senza nocciolo (il peso considerato è delle pesche già sbucciate)
  • 100 ml di acqua minerale naturale
  • un limone (ne servirà il succo di metà)
  • 80 g di zucchero di canna (o semolato bianco
Tempo di preparazione
circa un'ora (con gelatiera)
Lasciate raffreddare
nella gelatiera per 30/40 minuti
Difficoltà
bassa


mercoledì 29 luglio 2015

Gateau (gattò) di patate al microonde


cucinamiaquantotiamo
Gateau (gattò) di patate al microonde

Da quando ho comprato il forno a microonde sono sempre alle prese con esperimenti a volte con risultati positivi - come nel caso del gateau - a volte fallimentari come il pan di spagna che ho ribattezzato torta mattonella perchè l'ho fatto cuocere troppo e si è seccata irrimediabilmente.
In quasiasi caso, trovo che sia una gran comodità utilizzare il microonde per cuocere le patate in pochi minuti o bollire le verdure in altrettanto pochissimo tempo. Di conseguenza il forno si è già ripagato da se per il tempo risparmiato e se in aggiunta mi permette anche di preparare un gateau in mezz'ora tanto di guadagnato.



Ricetta per
2 persone
Ingredienti
  • 4 patate
  • 50 g di prosciutto cotto (senza lattosio per gli intolleranti)
  • 100 g di galbanino  (a ridotto contenuto di lattosio <0,1%)
  • 1 uovo
  • sale e pepe q.b.
  • due cucchiai di parmigiano reggiano stagionato 30 mesi
  • pane grattuggiato q.b. (io ho utilizzato Impan Ariosto)
  • un cucchiaio di olio extravergine d'oliva
Tempo di preparazione
circa 35 minuti
Difficoltà
bassa

domenica 12 luglio 2015

Pasta alla carbonara

Cucina mia quanto ti amo
Pasta alla carbonara

La pasta alla carbonara è un piatto tipico laziale, in particolare romano, una specialità che vale la pena gustare se ci si trova da quelle parti. Come tutte le ricette tipiche esistono diverse varianti, aggiusti, chi mette qualche ingrediente in più chi in meno. La ricetta proposta è quella che da sempre si prepara a casa mia dove se manca il guanciale si usa la pancetta ma le uova sono sempre quelle freschissime delle galline dei nonni. Sicuramente è un primo veloce che si prepara durante la cottura della pasta e che piace un po' a tutti, tranne a chi non riesce a mangiare l'uovo crudo come mia sorella che cuoce la sua pasta fino a far rapprendere la parte bianca delle uova.



Ricetta per
4 persone
Ingredienti
  • 350/400 g di spaghetti
  • 2 uova
  • 50/70 g di guanciale o pancetta a dadini
  • prezzemolo q.b.
  • mezza cipolla bianca
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano 30 mesi
  • 4 cucchiai di pecorino romano (da sostituire con parmigiano reggiano 30 mesi per gli intolleranti al lattosio)
Tempo di preparazione
circa 40 minuti
Difficoltà
media


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...